Aiuto, la cellulite!

Aiuto, la cellulite! | Aida Mele MagazineLa cellulite è donna. Non c’è dubbio. Un flagello che “miete vittime” durante l’età fertile, perché legata soprattutto agli ormoni.

Anche chi non ne ha sofferto può non esserne al riparo in periodi particolari, come la menopausa.

Di tipi e cause differenti, nella sua forma più diffusa è legata alla ritenzione idrica, anch’essa influenzata dagli ormoni.

Se per le forme più tenaci o complesse la lotta dura mesi, nel caso in cui si trattengano o si tenda a trattenere liquidi, si potrà ricorrere a rimedi efficaci anche a ridosso delle imminenti giornate al mare.

In questo caso i rimedi migliori saranno quelli drenanti e quelli che lavoreranno per osmosi. Quindi innanzitutto i bagni di acqua e sale.

Fate così: riempite la vostra vasca dopo aver versato un chilo di sale grosso, meglio se di Cervia o integrale o mezzo chilo di sale del Mar Morto.

Non usate sale iodato, meglio evitare: la tiroide è un altro organo per noi donne molto sensibile. Fate una settimana d’urto, basteranno 10/15 minuti 5/6 volte, se la cellulite è molta. Dopo la prima, nelle settimane successive fate questo bagno 2/3 volte.

Diminuite la quantità di sale e di bagni, se soffrite di una forma lieve di cellulite.

Chi ha la pelle secca, ricordi sempre dopo di idratarla. Per tutte: usate un olio lavante, niente bagnoschiuma.

Se ne avete l’opportunità, fate il bagno turco tutte le volte che la vostra pressione ve lo concederà: più della sauna è nemico degli accumuli di liquidi.

Il massimo effetto lo otterrete se vi cospargerete con un preparato di sale fino sciolto in acqua quel tanto da renderlo cremoso. Prima lo massaggerete delicatamente e poi lo lascerete riposare, mentre ve ne starete avvolte dai vapori

Fate sempre i fanghi per le applicazioni locali. Nella prima settimana 3 volte, poi nella seconda 2 e infine 1/2 volta a settimana. Li troverete già pronti in buste o in vasetti.

Non dimenticate una buona crema prima di andare a letto piuttosto che al mattino: con questo caldo e questo sole meglio evitare. Se preceduta da un siero concentrato, l’effetto urto sarà migliore.

Non usate cosmetici prima dell’esposizione al sole: la pelle si macchia molto più facilmente di quanto non crediate e soprattutto ha memoria e quello che non vedete subito potrete vederlo col tempo.

Gli olii essenziali di agrumi e lo stesso limone sono efficacissimi contro gli inestetismi della cellulite, ma sono altamente fotosensibilizzanti e le macchie che ne ricavereste non andrebbero più via. Usateli d’inverno quando vi coprirete.

Esistono ottimi cosmetici drenanti, scegliete il più adatto a voi e ricordate: chi ha problemi di tiroide preferisca creme prive di fonti di iodio e chi ha capillari evidenti prediligga quelle rinfrescanti.

L’alimentazione farà il resto. Spesso la ritenzione idrica è anche una risposta del corpo a delle intolleranze, quindi limitate drasticamente i cibi con cui “bisticciate”.

Frutta, verdura e liquidi aiuteranno a sgonfiare e a idratare. Lasciate perdere le bevante gassate e dolci.

Se vi piace il tè freddo, preparatelo in casa: non più di due bustine per litro. Prufumatelo con scorzette di agrumi o zenzero o erbe aromatiche, come l’erba cedrina o una delle infinite qualità di menta.

Preferitelo verde e se proprio volete zuccherarlo, scegliete lo sciroppo d’agave, ricco di minerali, con un indice glicemico inferiore al saccarosio e con un potere dolcificante maggiore, quindi ne basterà meno. A differenza del miele e soprattutto della stevia, non altera il sapore.

Tenete sempre in frigo delle acque aromatiche casalinghe. Centrifugati, frullati, estratti non devono mai mancare.

Scegliete fra carote, sedano, cetrioli, kiwi, fragole e frutti di bosco e non dimenticate ogni mattina una banana, ricca di potassio. Ciliegie, albicocche, pesche, meloni, anguria quando sarà, ananas, mango e zenzero sempre in frigo e un avocado maturo per le ricette salate.

Kefir, latticello o semplice yoghurt, ma bianchi. Conditeli voi con frutta, miele, cannella e muesli o fatene freschi e golosi frullati con la frutta di stagione.

Minestre (ebbene sì, anche col caldo) e insalate sempre sulla vostra tavola. Se non amate le pietanze calde, potrete consumarle tiepide o prepararne di fredde, come il gazpacho.

Ricordate che il più tipico piatto estivo – prosciutto e melone – non piace alla vostra cellulite.

Tutto ciò che è ricco di sale dimenticatelo, il prosciutto in primis, soprattutto se consumato di sera: regala magnifiche borse sotto gli occhi a chi soffre di ritenzione idrica. Idem per le carni e il pesce in scatola.

Ai formaggi stagionati preferite quelli freschi, a quelli di mucca quelli di capra: più digeribili. Questo l’altro aspetto: cibo semplice, che non vi appesantisca.

Imparate ad ascoltare il vostro corpo e non la vostra gola. Il primo sa sempre ciò di cui ha bisogno: questa è la regola d’oro per una sana alimentazione.

Viviamo immerse in una vita frenetica, legate a doveri e necessità, cerchiamo di ricavarci sempre uno spazio per noi stesse: il volersi bene passa anche attraverso la “lotta integrata” alla cellulite.

Poi un buon scrub e sarete pronte per la spiaggia!

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *