Una colomba light e senza lattosio

Una colomba senza lattosioLa Colomba Pasquale è un dolce che appartiene ai grandi lievitati. Io qui vi propongo una versione “furba”, per quando il tempo è poco o a essere poca è l’esperienza in cucina.

Un dolce facile, buonissimo, molto profumato e bello da vedere. Assolutamente priva di lattosio, questa Colomba non appesentirà un pasto già ricco.

Ingredienti

  • 3 uova
  • 320 gr. di farina 00
  • 170 gr. di zucchero
  • 100 gr. di olio di girasole
  • 70 gr. d’acqua gassata (circa, perché dipenderà dall’umidità della farina e dalla grandezza delle uova)
  • 1 limone bio grattugiato
  • 1 arancia bio grattugiata
  • riccioli di cioccolato
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • granella di zucchero
  • mandorle

Occorrente

  • un frullino elettrico
  • uno stampo di carta per colomba pasquale

Procedimento

Montate le uova con lo zucchero finché il composto diventerà chiaro e spumoso, aggiungete a filo l’olio e poi l’acqua. Di questa tenetene però un po’ per quando aggiungerete tutta la farina, per regolarvi sulla consistenza, che dovrà essere più fluida che cremosa, ma non liquida.

Aggiungete gli agrumi grattugiati e, appunto, la farina. Se la consistenza sarà quella giusta, aggiungete il lievito.

Per ultimi i riccioli. La quantità la lascio a voi. Non sostituiteli con le gocce di cioccolato, perché sarebbero troppo pesanti per questo impasto e finirebbero sul fondo durante la cottura.

Versate il composto nello stampo, che avrete appoggiato su una placca da forno, e disponetevi delicatamente le mandorle, quindi cospargetelo con la granella di zucchero.

Infornate per 30/35 minuti in forno preriscaldato ventilato a 180° e cuocete a 170°, in modo da non scurire eccessivamente la guarnizione.

Il risultato sarà un dolce leggero, che potrete accompagnare al cioccolato delle uova pasquali.

Volendo potrete anche farne una versione senza glutine.

Ricordatevi però che le farine per celiaci sono a base di amidi, quindi richiedono minor cottura e maggiori liquidi nell’impasto.

Provate dunque a togliere 5 minuti dal tempo complessivo nel forno, vigilando più attentamente, e aggiungete più acqua gassata, ma sempre un po’ alla volta per non rischiare di rovinare l’impasto.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *